Se il teatro si fa del male da solo

Fausto Paravidino

Fausto Paravidino

Per la serie «Napoli è la capitale del teatro italiano».
«Exit», la commedia di Fausto Paravidino messa in scena per la regia dell’autore dallo Stabile di Bolzano, costituisce (vedi la recensione pubblicata qui sotto) uno degli spettacoli più intelligenti e godibili che siano stati allestiti negli ultimi tempi. Ma noi, a Napoli, quello spettacolo lo possiamo vedere solo adesso, al termine del terzo anno di tournée. E certo, ci si potrebbe consolare ripetendo il solito «meglio tardi che mai», e quindi riconoscendo al teatro Bellini un merito significativo per aver inserito «Exit» nel proprio cartellone 2013-2014; senonché,
ecco che i responsabili della programmazione del Bellini si son subito preoccupati di vanificare il punto segnato a loro favore.
Intanto, «Exit» è stato confinato nel Piccolo Bellini, una saletta deliziosa ma dotata di pochissimi posti; e poi, ciò che risulta peggio (e assolutamente incomprensibile), ne è stata fissata la «prima» nella stessa sera di martedì scorso in cui nella sala principale del teatro di via Conte di Ruvo era fissata quella di «Arancia meccanica», uno spettacolo, prodotto dallo stesso Bellini, che poteva contare sul richiamo esercitato da un personaggio televisivo popolare come Morgan.
Il risultato è stato che alla «prima» di «Exit» c’era solo uno sparuto gruppo di addetti ai lavori. E non aggiungo altro, il commento è tutto nel titolo di questa nota.

                                                                                                                                             Enrico Fiore

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

 

Questa voce è stata pubblicata in Commenti. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>