Archivi del mese: febbraio 2018

Natale in casa Cupiello-Lojacono

NAPOLI – Riporto qui la presentazione, pubblicata ieri dal «Corriere del Mezzogiorno», dell’inedito atto unico di Wanda Marasco «Quei fantasmi del presepe». In scena, separati da una parete velata, un gioco di luci o altro, i due «spaccati» che corrispondono … Continua a leggere

Pubblicato in Presentazioni | 6 commenti

Se lo spettro di Banquo frantuma sotto i piedi il pane «carasau»

NAPOLI – «Moriti, moriti, curza candela! Sa bida est pezzi un’umbra chi caminat, unu poveru attore chi s’ispàzata e s’assùcat pro cuss’ora in issèna e non pùdit ne fràcata, un’istoria contada da unu ballalòi, prenu de fùria e abbolottu, chi … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | 4 commenti

Il viaggio di Servillo da Di Giacomo fino a Mimmo Borrelli

NAPOLI – Credo proprio che sia fondamentale il concetto su cui vado insistendo da anni: che, cioè, per comprendere appieno un artista occorre prestare attenzione al suo percorso, verificandone la coerenza. L’ho detto più volte a proposito di Mario Martone … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Quando la pedofilia è la paura della pedofilia

FIRENZE – Paura. È questa, oltre ogni dubbio, la parola-chiave de «Il principio di Archimede», l’atto unico del catalano Josep Maria Miró che la compagnia Pupi e Fresedde presenta al Teatro di Rifredi di Firenze in esclusiva per l’Italia. Infatti … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | 2 commenti

Il ritorno di Brook al «Mahabharata». Col pensiero alla Siria

NAPOLI – È in scena al Bellini lo spettacolo «Battlefield», firmato da Peter Brook. Ne ripropongo, con gli aggiustamenti imposti dalla cronaca, la recensione che scrissi nel maggio del 2016, quando lo vidi all’Argentina di Roma.  Perché Peter Brook ha … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Servillo, o la parola che diventa musica

NAPOLI – Riporto qui la riflessione su «Eternapoli» pubblicata ieri dal «Corriere del Mezzogiorno». Credo che, magari senz’averne piena coscienza (senza, intendo, averne coscienza come di un progetto), Toni Servillo vada costruendo, al di là di quello ben noto di … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessioni | Lascia un commento

Quella cornice vuota che racchiudeva un mondo

NAPOLI – Mentre alla Galleria Toledo assistevo a «Le braci», l’adattamento del romanzo di Márai ad opera di Fulvio Calise, ho pensato al saggio di Cacciari «Dallo Steinhof». Lo Steinhof è la collina di Vienna su cui sorgeva l’ospedale psichiatrico. … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Nel bar di Pinter c’è solo il «Tomorrow» di Amanda Lear

PRATO – «Credo che invece di un’incapacità di comunicare ci sia una deliberata evasione dalla comunicazione. Il comunicare tra persone è di per se stesso così terrificante da indurre a un continuo divagare su altri argomenti invece di affrontare ciò … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Viviani e Napoli

Riporto anche il secondo momento, pubblicato ieri dal “Corriere del Mezzogiorno”, della riflessione su Viviani che ho svolto in occasione del centotrentesimo anniversario della sua nascita. Raccontano che, avvicinandosi la morte, Raffaele Viviani tacque per dodici ore. E poi, un … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessioni | Lascia un commento

Viviani e Castellammare

Pubblico anche qui la prima puntata, uscita ieri sul «Corriere del Mezzogiorno», di una riflessione su Raffaele Viviani. Dico spesso, un po’ sul serio e un po’ scherzando, che per me Viviani è stato un destino. E in questi giorni … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessioni | Lascia un commento