Archivi del mese: aprile 2016

Una comicità «Made in Sud»
spruzzata di affondi polemici

NAPOLI – Tra sciabolate di luce e sull’onda di una musica fragorosa, cala dall’alto una gabbia in cui si vede, di spalle, l’inconfondibile sagoma di Tonino Cardamone, il popolare «giovane in pensione». Ma subito entra, dalla quinta di sinistra, il … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

La miseria del teatro italiano

NAPOLI – Mi riferisco per l’ennesima volta agl’imbonitori in servizio permanente effettivo travestiti da giornalisti e ai loro complici, gl’intellettuali tuttologi di complemento: gli uni e gli altri impegnati, in una bella gara, a riempirsi la bocca delle parole «Teatro … Continua a leggere

Pubblicato in Commenti | Lascia un commento

Con i sogni in valigia
sul treno del teatro

NAPOLI – Si somigliano molto gli ultimi due spettacoli che ho visto al Diana, «Buena Onda» e questo «Signori, in carrozza!» che resterà in scena fino a domenica. Non a caso sono prodotti l’uno dal Nuovo Teatro di Marco Balsamo … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | 2 commenti

Quel sipario sconfitto dalla lama delle parole

  Si è svolto oggi pomeriggio, nel Piccolo Bellini, il primo degli incontri con Mario Martone programmati nell’ambito della rassegna «Carmen e i suoi fratelli». Parliamo di tre film che a vario titolo interagiscono, appunto, con «Carmen», lo spettacolo di … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

«Re Lear» diventa «la storia» di un Lear assimilato a Cristo

NAPOLI – Secondo Gabriele Baldini, il nostro maggior anglista, «Lear è soprattutto una struggente verità». E Jan Kott – che, al pari di Peter Brook, accostò «Re Lear» a «Finale di partita» e «Aspettando Godot» di Beckett – individuò il … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Sull’«altalena» di Lunari
senza Beckett e a tutta farsa

NAPOLI – In quella che sembra essere una sala d’attesa – al settimo piano di uno dei tanti palazzoni di una grande città, ma con tre porte d’ingresso a cui corrispondono tre uscite in vie diverse – s’incontrano un commendatore, … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Lo Stabile di Napoli, i giovani e la «riforma» di Franceschini

NAPOLI – Sul «Corriere del Mezzogiorno» di giovedì scorso Eduardo Cicelyn ha scritto fra l’altro: «Qualcuno conosce i numeri dei biglietti e degli abbonamenti venduti sotto la direzione De Fusco, presentato a suo tempo come l’uomo del botteghino? E si … Continua a leggere

Pubblicato in Commenti | 4 commenti

Seduti accanto a Ombretta
sulla panchina della coscienza

NAPOLI – Peppino Mazzotta – regista dell’allestimento di «Ombretta Calco», l’atto unico di Sergio Pierattini in scena ancora oggi al Nuovo – comincia le sue note ponendosi (e ponendo agli spettatori) una serie d’interrogativi: «Chi è Ombretta Calco? Perché si … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Sarah Kane, le parole
sul confine del silenzio

NAPOLI – Sarah Kane, lo sappiamo, morì suicida nel 1999, a ventott’anni. Ed era, dunque, una che faceva sul serio: per lei la vita e la scrittura coincidevano (o, più esattamente, si confondevano), sicché quel suicidio non fu che la … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | 2 commenti

Se «Il gabbiano» vola sul tassì di un siriano

  MONCALIERI – Nell’introduzione alla sua prima edizione italiana (Einaudi, 1962), Cesare Cases collocò «Teoria del dramma moderno» di Szondi tra «le poche opere veramente utili alla comprensione della genesi e delle prospettive dell’avanguardia». Sono d’accordo. Personalmente considero quel saggio … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento